Cassina - Superleggera 699 Sedia | Salvioni

Versioni suggerite (2)

Superleggera 699 SediaCon Sedile Imbottito Superleggera 699 Sedia

Prezzo a partire da
€ 1.074,00

Personalizza la tua richiesta

Struttura
Seleziona

I colori visualizzati, per ragioni tecniche, sono indicativi e possono differire dall'originale. Il prezzo potrebbe subire delle variazioni in relazione alla categoria/finitura scelta. Contattaci per ricevere un preventivo personalizzato
Frassino NaturaleFrassino Naturale
Frassino Laccato BiancoFrassino Laccato Bianco
Frassino Laccato NeroFrassino Laccato Nero


Seleziona


Seleziona

Cassina
Fondata nel 1927 dai fratelli Cesare e Umberto nel cuore della Brianza del mobile, Cassina è una delle aziende più longeve del design industriale Made in Italy. A partire dai primi anni ’30, i fratelli Cassina individuano la forte domanda di arredo per la casa e interpretano con lungimiranza il gusto rinnovato delle nuove classi emergenti, dando inizio ad una vera e propria rivoluzione del settore dell’arredamento d’interni. Sin da subito l’azienda intraprende un percorso volto alla ricerca e all’innovazione, coinvolgendo prestigiosi designer e architetti nello studio di nuovi modelli per l’arredo. In questi anni nasce la collaborazione con Gio Ponti fautore di pezzi iconici quali la sedia modello 646, denominata Leggera, e la successiva seduta modello 699 o Superleggera.Scopri di più

Designed by

Gio Ponti

Gio Ponti
Gio Ponti (1891-1979) è considerato il grande “padre nobile” del design italiano. Milanese fin dalla nascita, fra i maggiori architetti del Novecento, ha concettualizzato per tutta la vita una peculiare via italiana alla modernità, in cui la ricca tradizione artigiana e decorativa non venisse superata, ma valorizzata ed integrata al meglio con le tendenze più recenti. Fra le sue opere più famose, il grattacielo Pirelli di Milano, prodigio della tecnica e all’epoca edificio più alto d’Italia, e Palazzo Montecatini. La sua attività teorica e divulgativa fu intensissima: fondò nel 1928 la rivista Domus, che diresse a lungo per diversi periodi, fino quasi alla sua morte, e che rimane tuttora il centro focale del dibattito sull’architettura italiana. Fu sua anche l’idea di istituire il Compasso d’Oro, in collaborazione con la Rinascente, e fu fra i promotori della nascita dell’ADI, l'Associazione per il disegno Industriale. Intensa e ricca di successi anche la sua attività pratica di designer: fu negli anni ’20 direttore artistico di Richard Ginori, contribuendo a rinnovare il mondo della ceramica, e fondò poi nel 1932 l’azienda FontanaArte, con la quale si dedicò al settore dell’illuminazione. Nel Dopoguerra collaborò invece con Cassina, Venini, Ideal Standard e molte altre aziende. A partire dal 2012 Molteni & C. collabora con gli eredi del Maestro per riproporre molti dei suoi arredi più famosi in una collezione dedicata, di grande precisione filologica.Scopri di più