Lampada Snoopy | Flos icone di design | Achille e Pier Giacomo Castiglioni
Lavora con noi

Lampada Snoopy

Flos
Achille Castiglioni, Pier Giacomo Castiglioni,

Lampada Snoopy

La lampada Snoopy di Flos porta chiaramente impresso fin dal nome il gusto per l’ironia e la citazione che caratterizza i suoi due designer, i fratelli Achille e Pier Giacomo Castiglioni. La forma di questa lampada da tavolo a luce diretta è infatti chiaramente ispirata dall’omonimo bracchetto dal grande nasone, protagonista delle celebri strisce di Charles M. Schulz.

La citazione, lontana però da ogni leziosità figurativa, si risolve in un volume scultoreo di grande eleganza, capace di diventare in poco tempo un vero e proprio classico del design, uno di quei prodotti che fanno tutt’oggi immancabilmente capolino nello styling di centinaia e centinaia di servizi fotografici.

La base della lampada è costituita da un cilindro di prezioso marmo bianco venato che si erge obliquamente rispetto al piano di appoggio. Su di essa poggia uno spesso disco di cristallo trasparente, che a sua volta regge la fonte luminosa led. Questa è nascosta da un grande riflettore stondato, realizzato in alluminio con verniciatura lucida nei colori nero e verde, sulla cui sommità sono posizionati tre fori di raffreddamento che ricordano l’impugnatura di una palla da bowling.

Grazie all’inclinazione obliqua della base il disco di vetro presenta un asse sfalsato rispetto al piano, facendo in modo che quando la luce rimbalza sulla parte interna della calotta questa venga proiettata leggermente in avanti sul piano da lavoro. Tutto il materiale elettrico è riposto all’interno della base, donando alla lampada un profilo asciutto e pulito. Anche il pulsante per l’accensione e la variazione della luce ha un’apparenza discreta, prendendo la forma di una piccola manopola posta nella parte superiore della base marmorea.

myACF.image_quote.alt

Bisogna infondere ironia sia nel design sia negli oggetti. Intorno a me vedo la malattia professionale che consiste nel prendere tutto troppo sul serio.

Achille Castiglioni